Κρήτη

Vorrei conoscere il modo
di portarmi fuori dai templi e dai tempi
remoti
vorrei cancellare ogni traccia di foglia
o voce
se mi vedeste
ho inciampato in un filo di ferro
a guglie tese o aria…
incandescenti ad ogni svolta
del dedalo di carta.

come riccio che ha smesso di difendersi
espongo il punto giusto per l’affondo:
se non si accenna a un varco
che si trafigga il mio pensiero
o si zittisca il mondo.

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Κρήτη

  1. cristina bove ha detto:

    lo lasceremo, ineluttabilmente, cara Narda; ma avremo vissuto, nel male e nel bene, con ogni fibra del nostro essere, con ogni impulso del cuore, a mente aperta,
    grazie
    cri

    "Mi piace"

  2. fattorina1 ha detto:

    Il mondo non zittisce , cara Cri, avremo un addio come ultimo saluto, peregrineremo altrove, saremo pacificati ? In questa poesia sei definitoria , ma resti e il tuo pensiero spacca e lucida il vero.
    Narda

    "Mi piace"

  3. piero colonna romano ha detto:

    Applausi Cristina. Quanto dolore e rassegnazione e quanta amara poesia. Bravissima, voli alto. Piero

    "Mi piace"

  4. Cettina Lascia Cirinnà ha detto:

    … sento questi versi in modo particolare.
    Grazie
    Cettina

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...