L’arte è un sublime mezzo di trasporto

  un’anta a specchio
poggiata alla parete
riflette una figura, me la spaccia
per una spia venuta dal passato
pertanto se recrimina il remoto
della rinunciataria acquisizione
_se avesse mani
mi punterebbe il dito accusatore_
io me la svigno
mi perdo nella rete
mi lascio andare al vizio di conoscere
musica eventi immagini
mari montagne spazi ultragalattici

e quando sopraffatta
dall’ immensa bellezza d’ogni vita
dalle visioni audaci dei poeti
da sinfonie immortali
avverto un capogiro
una felicità da mancamento
un senso d’ultraumano

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...