In questa nebbia di parole

giovinezza piovuta lungo i muri
anni dipinti ad acqua
ricordi che si arruffano
_non ne risolvo nodi_
chiudo la mente ai fiori e solo i cactus
respirano il deserto

il tempo ha modi poco edificanti
di rimandare luoghi e fatti
vorace nell’ottundere
nel mescolare il bello e il brutto
nel farne frasi da ridire, uguali e non
corrispondenti più a nessuno
a niente
_ed era un mare traversato
tra marosi e bonaccia _

in questa pallida risacca
aspetto che si svelino i segreti
che non potemmo scandagliare e che
se è vero che lo spirito non muore
ora ne sai
_io qui starò per poco
rannicchiata
nell’angolo di vetro che si appanna_

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a In questa nebbia di parole

  1. lallaerre ha detto:

    eppure in questa nebbia le tue parole fanno luce. Grazie sempre, Cristina cara.

    Piace a 1 persona

  2. sgnapisvirgola ha detto:

    Ci sono eventi che si portano via pezzetti di noi che conoscevamo bene, per sempre, lasciandoci in eredità un vuoto che dobbiamo imparare a riempire con l’altro che dobbiamo reimparare a conoscere attraverso i ricordi belli e brutti e ciò che siamo stati. Per questo si viaggia per del tempo a testa in giù, cercando un nuovo equilibrio, che arriverà, ma poi saremo diversi. Un po’.tvb

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...