Da chissà quale distanza

da un verso che si avvinghia sulla carta
parole come artigli
irrompono in risvolti metafisici
_servissero ad un’aquilapoesia!_
e le tragedie
i lutti
il farsi vecchi
lo stare tra la fossa ed il veglione
col solito ottimista che proclama
“andrà tutto benone”
è la classica trappola per tropi

nessuna lingua è adatta a designare
un’anima irrequieta
e ciò che viene scritto è un tranquillante
per vincere il disordine mentale
un espediente per non farci voltare:
facciamo ombre che non ci somigliano
mostri di carta straccia che c’inglobano
sversati sulle pagine
ridotti in coccisillabe

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesie, poesie da non saper che farsene, poesie dell'abbandono e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...