Attrazioni fatali

 

da quando il primo uomo  
sorpreso dal pensiero 
fantasticò di sogni e mondi alterni
alla ferocia subentrò l’incanto
al primordiale istinto il sentimento

così che tutti conoscemmo  
d’essere più di ciò che percepiamo
un corpo in sospensione
testa nell’aria e piedi sulla terra
tra il cielo che ci ammalia
e il suolo che ci esilia

imparammo il progetto e l’impostura
a camuffare istinti naturali
con tutti gli artifici del romantico
inzuccherando pillole  
per ogni amore amaro

e c’inventammo artefici
dal fischiettare femori al comporre
dall’afrore ai profumi più soavi
dalla terra battuta al materasso
dal fuoco nella selva al microonde
dal bofonchiare alla definizione   

eppure siamo sempre quel che siamo
la terra avrà la nostra polvere
il cielo i nostri sogni ed il respiro     
ma l’essere sospeso tra i due estremi
non radicato e non sublimizzato
estraneo a entrambi
è ancora imperscrutabile mistero

 

Informazioni su cristina bove

sono grata alla vita d'avermi lasciato il sorriso
Questa voce è stata pubblicata in poesia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...